WSBK: Primo giorno di prove nella Cattedrale della velocità, di Roberto Pagnanini

Freddo, tanto, e condizioni che non dovrebbero migliorare neppure nei giorni a venire: questa è la situazione ad Assen dove questo week end è in programma la quarta prova del mondiale 2019 dedicato alle derivate di serie.

Mentre i 250 giri motore tolti alla Ducati sembrano aver creato un po' di scompiglio, anche se per ciò che concerne la velocità massima la moto di Bautista è sempre stata tra le più veloci in pista, la sorpresa della giornata è rappresentata da Sykes che ha portato la sua BMW davanti a tutti con il tempo di 1.35.414 ma non solo, perchè il suo compagno di squadra Reiterberger ha chiuso 4° a 28/000 segno che la moto di Monaco di Baviera si trova davvero a proprio agio su questo tracciato e sta contando su una crescita costante del progetto.

Un tracciato, è risaputo, sul quale sia Rea che Haslam in sella alle Kawasaki ufficiali, si sono sempre trovati molto bene ed infatti li ritroviamo al secondo e terzo posto, giusto davanti al pilota tedesco della BMW ed alla prima Yamaha, quella di Van der Mark; Bautista, autore di nove vittorie su altrettante gare disputate sino ad ora, al suo debutto alla guida della Panigale R4V ad Assen, ha chiuso invece in 6° posizione.

Chi naviga ancora nelle retrovie è Marco Melandri, alfiere e portacolori del GRT Racing Team, oggi 13° ad 1,3 dalla vetta con il suo compagno di squadra Sandro Cortese più veloce di lui di oltre un secondo.

 

 

Sponsor

La Posta
La Ternana Caravan
Lillero

 

Galleria fotografica