WSBK: AssenTT, Bautista si prende tutto, GRT sempre fuori dai dieci con Cortese e Melandri, di Roberto Pagnanini

10 su 10! Questo l'incredibile ruolino di marcia di Alvaro Bautista e della sua Ducati Panigale V4R capaci anche nella Cattedrale della velocità di Assen, di dominare le gare del fine settimana.

Due e non tre come da programma perchè le incredibili condizioni meteo di ieri, con tanto di nevicata, hanno fatto si che la Direzione gara cancellasse la Pole Race per ridisegnare il programma della domenica; in ogni caso non ce n'è stato per nessuno e neppure i 250 giri motore tolti alla Casa bolognese sono bastati per interrompere un dominio iniziato in Australia, passato per Aragon e terminato, sin qui, in Olanda.

Non cambia  quindi il vincitore mentre, per ciò che concerne gli altri due gradini del podio, Van der Mark e Rea si sono sono alternati tra secondo e terzo posto segno che la Casa di Iwata è riuscita, almeno in parte, a colmare il gap con la Kawasaki, vera dominatrice delle ultime stagioni. Non  solo l'olandese ha tutto sommato limitato i danni, ma anche il suo compagno di squadra Lowes, seppure con un certo distacco, non ha sfigurato marcando due quarti posti nel fine settimana. Quelle che invece sono rimaste sempre fuori della top ten, sono state R1 del Team GRT portate in pista da Marco Melandro e da Sandro Cortese, Campione del mondo in carica della SSP600. Inutile sino ad ora il grido di aiuto del ravennate rivolto alla Yamaha per cercare di risolvere i suoi problemi di assetto e, visto quanto stanno facendo i suoi compagni di marca, ancora più difficile che venga ascoltato. Un peccato perchè Melandri potrebbe ancora dire la sua e perchè no, sperare in una sella ufficiale per il 2020.

 

Sponsor

Phonix
Salefino Ristocafè
San Valentino Sporting Club

 

Galleria fotografica